Welcome to Chirurgia mininvasiva, laparoscopica e bariatrica!

Welcome to Chirurgia mininvasiva, laparoscopica e bariatrica!

HOMEALLCONGRESSIFORUMSTAMPAVIDEOEVENTIACCOUNTCONTATTISTAFFPATOLOGIE

     Categorie Menu
· Tutte le Categorie
· Bariatrica
· Colon Retto
· Congressi
· Esofago
· Fegato e Pancreas
· Generale
· Incontinenza
· Mammella
· News
· Parete addominale
· Polmone
· Proctologia
· Prostata
· Rene
· Stomaco
· Testa e collo
· Tiroide
· Urgenze

     Utente
Nickname

Password

(Registrati)

     Annunci

   

Tiroide: ecografia tiroidea e scintigrafia per diagnosi precoce cancro tiroide

 Di - Wed, 14 Nov 2012 18:19

Il nodulo tiroideo è un'entità nosologica frequente, raggiungendo una prevalenza superiore al 50% nei pazienti sopra i 65 anni, con maggior incidenza nel sesso femminile (circa 4 volte più colpite). Nella popolazione generale circa il 6% delle donne risulta colpito, contro l,5% degli uomini. Molti di questi noduli rappresentano delle patologie benigne, altri (circa il 2-3% a seconda delle casistiche) nascondono delle lesioni neoplastiche. L'impegno della ricerca in questo campo è stato, ed è tutt'ora, capire quali noduli mandare a biopsia e quali escludere dal processo diagnostico per patologia neoplastica.

 

L'ecografia tiroidea gioca un ruolo estremamente importante da questo punto di vista. Infatti rappresenta, per quanto riguarda la tiroide, la metodica con il miglior rapporto invasività/accuratezza indirizzando correttamente, nella maggior parte dei casi, la formulazione diagnostica. Ma l'ecografia non è in grado di dire con sicurezza se una formazione nodulare della tiroide sia sicuramente benigna o maligna. Per questo sono necessari ulteriori studi. L'approfondimento diagnostico strumentale di II livello più utilizzato è la scintigrafia tiroidea che rappresenta l'esame morfofunzionale più importante della ghiandola tiroidea. La tiroide infatti è in grado di fissare molecole di metalli pesanti come lo iodio ed il tecnezio: l'iniezione endovenosa di iodio radioattivo o tecnezio pertecnetato viene captata dalla tiroide, che successivamente darà una immagine scintigrafica coerente con le proprie capacità iodio fissatrici. In genere viene preferito un isotopo radioattivo del tecnezio (99mTc), per la durata inferiore dell'esame e della dose radiante somministrata rispetto allo iodio radioattivo (131I)

Sulla base dei rilievi scintigrafici i noduli tiroidei possono essere definiti ipercaptanti (caldi), isocaptanti (tiepidi) o ipocaptanti (freddi) in rapporto alla quantità di iodio incorporata rispetto al parenchima tiroideo circostante.

La scintigrafia non è in grado di dire con certezza se un nodulo è sicuramente benigno o maligno. Solo il 5% de noduli tiroidei risulta ipercaptante, ma il riscontro di un nodulo caldo può far escludere quasi con certezza il sospetto di malignità. Discorso diverso invece va fatto per i noduli freddi, la maggior parte dei quali risulta benigno, mentre circa un 15-20% nasconde una lesione carcinomatosa.

CommentaDiscussioneNuova FotoNuovo Video Youtube




"ecografia tiroidea e scintigrafia per diagnosi precoce cancro tiroide" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati
 
     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


     News Correlate
Ipotiroidismo subclinico e rischio cardiovascolare. Relazione tra ormoni tiroide e malattie al cuore

[ 2361 letture ]

Ipotiroidismo subclinico e rischio cardiovascolare. Relazione tra ormoni tiroide e malattie al cuore
Incidenza e prevalenza tumore tiroide Roma. E' possibile prevenirlo?

[ 1946 letture ]


Ecografia e agobiopsia FNAB nodulo tiroideo. Quando operare

[ 13672 letture ]


Ecografia tiroide e nodulo tiroideo. Come scoprire il tumore

[ 21270 letture ]


Nodulo tiroideo. Ecografia con ecocolordoppler per capire se presente tumore tiroide

[ 7377 letture ]



[ Altro nella News Section ]





Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione. Le immagini pubblicate potrebbero essere tratte da internet: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione.

Generazione pagina: 0.10 Secondi