Welcome to Chirurgia mininvasiva, laparoscopica e bariatrica!

Welcome to Chirurgia mininvasiva, laparoscopica e bariatrica!

HOMEALLCONGRESSIFORUMSTAMPAVIDEOEVENTIACCOUNTCONTATTISTAFFPATOLOGIE

     Categorie Menu
· Tutte le Categorie
· Bariatrica
· Colon Retto
· Congressi
· Esofago
· Fegato e Pancreas
· Generale
· Incontinenza
· Mammella
· News
· Parete addominale
· Polmone
· Proctologia
· Prostata
· Rene
· Stomaco
· Testa e collo
· Tiroide
· Urgenze

     Utente
Nickname

Password

(Registrati)

     Annunci

   

Generale: Infertilità maschile. Varicocele causa comune. Sintomi, diagnosi e cura.

 Di - Wed, 30 Jan 2013 20:08

Infertilità maschile. Varicocele causa comune. Sintomi, diagnosi e cura.

L'infertilità maschile è una condizione sempre più comune che colpisce moltissimi uomini. Viene definita come l'incapacità di fecondare una donna fertile dopo almeno 1 anno di rapporti completi e non protetti. Mentre in passato si riteneva che l'infertilità di coppia fosse dovuta soprattutto alla donna, lasciando all'uomo circa il 20% della "colpa", attualmente quasi il 40 % delle infertilità di coppia è dovuta a disfunzioni maschili. Circa il 5-6 % dei maschi in età fertile presenta

infertilità dovuta a diverse cause: la principale riconosciuta sembra essere il varicocele (25-30% circa), mentre in un ulteriore 25-30% dei casi non si riesce a trovare una causa certa. Altre cause sono l'abuso di alcuni farmaci (25%), criptorchidismo (6-8%), alterata eiaculazione (6-8%), malattie endocrine ed immunologiche, anomalie cromosomiche, infezioni ed altre malattie sistemiche.


Il varicocele rappresenta dunque la causa più comune di infertilità maschile, avendo una prevalenza nell popolazione generale del 15-20 %: questo significa che non tutti coloro che sono portatori di varicocele presentano poi un'infertilità manifesta.

Il varicocele è rappresentato da una dilatazione (ectasia) ed incontinenza delle vene che drenano il sangue dal testicolo verso il circolo sistemico (plesso venoso pampiniforme). Il conseguente reflusso di sangue indurrebbe una congestione vascolare più o meno marcata a livello del testicolo con aumento di temperatura dello stesso, con l'esito di un'alterata spermiogenesi (produzione di spermatozoi). Il varicocele può essere primitivo o idiopatico, riconoscendo come causa una debolezza e lassità intrinseca dei tessuti vascolari, o secondario ad ostruzione del deflusso venoso. In quest'ultimo caso è necessario trattare la causa che ha provocato l'ostruzione, NON il varicocele in quanto tale.

La condizione di alterata spermiogenesi è reversibile: tanto più precocemente viene risolto il problema varicocele, tanto meglio riprenderà la funzione riproduttiva.

Il varicocele si manifesta come una tumefazione (ingrossamento) irregolare, più o meno grande, alla radice dello scroto, che può ingrossarsi con i colpi di tosse o gli sforzi fisici. Può dare fastidio o dolore, sordo e continuo, accentuato dagli sforzi.

Alla visita medica si presenta con la caratteristica consistenza, alla palpazione, tipo "sacchetto di vermi" alla radice dello scroto. Un ecocolordoppler della regione inguino-scrotale dirimerà ogni dubbio, anche se la diagnosi clinica nel 95% dei casi risulta corretta.



Attualmente non esiste un univoco consenso sul miglior trattamento del varicocele. Esistono diverse tecniche chirurgiche e di radiologia interventistica, che sono sintetizzabili i due filosofie: legatura delle vene dilatate (via chirurgica sia open che laparoscopica) e sclerotizzazione delle stesse (via radiologica).

Entrambe le metodiche hanno vantaggi e svantaggi: attualmente sembra che per i varicoceli di piccole o medeste dimensioni (Classificazione ecografica di Hirch grado I-II-III) sia accettabile il trattamento sclerotizzante, che per i gradi più elevati (IV e V) presenta importanti tassi di recidiva (risorno della malattia), motivo per il quale, in questi casi, è indicato il trattamento chirurgico.



PARERI PERSONALI DELL'AUTORE:



Nella mia modesta esperienza personale per quel che riguarda l'approccio chirurgico al varicocele (oltre 100 casi da aiuto e primo operatore), circa la metà dei quali eseguiti in anestesia locale, gli altri in anestesia spinale, posso dire che i risultati sono ottimi con buona soddisfazione dei pazienti.

L'intervento viene eseguito con un piccola incisione sub-inguinale, a livello della radice dello scroto, di circa 3-4 cm, riconoscendo ed isolando i vasi ectasici del plesso pampiniforme e legandoli selettivamente in microchirurgia, rispettando le altre strutture nobili della regione, in primis il dotto deferente con l'arteria deferenziale e l'arteria gonadica. La durata dell'intervento è di circa 25-30 minuti. La degenza può essere di 1-2 giorni, a seconda dello status del paziente, contemplando ovviamente anche il day-surgery. Non ci sono grosse complicanze se l'intervento viene eseguito con perizia e l'emostasi è accurata. Un piccolo ematoma della regione scrotale e dolore di modesta entità sono state le complicanze più frequentemente riscontrate.

CommentaDiscussioneNuova FotoNuovo Video Youtube




"Infertilità maschile. Varicocele causa comune. Sintomi, diagnosi e cura." | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati
 
     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


     News Correlate
Influenza della depressione e ansia sulla chirurgia. Resezione epatica ricovero ospedaliero

[ 798 letture ]

Influenza della depressione e ansia sulla chirurgia. Resezione epatica ricovero ospedaliero
Ernia inguinale. Sintomi, cause, trattamento.

[ 990 letture ]

Ernia inguinale. Sintomi, cause, trattamento.
Ecoendoscopia o Endoscopia ecografica. Diagnosi malattie Pancreas Vie Biliari Stomaco Ano Colon

[ 2882 letture ]

Ecoendoscopia o Endoscopia ecografica. Diagnosi malattie Pancreas Vie Biliari Stomaco Ano Colon
Divulgazione. Che cosa è un tumore. Sintomi, diagnosi, trattamento, sopravvivenza

[ 1638 letture ]

Divulgazione. Che cosa è un tumore. Sintomi, diagnosi, trattamento, sopravvivenza
Incidenza e classificazione tumori endocrini digestivi. Stomaco, Intestino, Colon, Pancreas

[ 2532 letture ]

Incidenza e classificazione tumori endocrini digestivi. Stomaco, Intestino, Colon, Pancreas

[ Altro nella News Section ]





Questo sito non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata, e saranno comunque sottoposti a moderazione. Le immagini pubblicate potrebbero essere tratte da internet: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione.

Generazione pagina: 0.10 Secondi